Performance World Class e Snella nelle PMI, Piccole e Medie Imprese - Carlo Scodanibbio, Consulente Industriale, Consulente di Lean Management
scodanibbio.com


Carlo Scodanibbio
Consulenza Industriale
Consulente di Lean Management

prospetti sinottici (37c)


home     profilo     consulenza     formazione     eventi     contatti 
Project Management - concetti base - 3


Il bravo Project Manager è capace di assumersi la responsabilità di un progetto nella sua globalità, e tuttavia delegare sapientemente una parte delle responsabilità - soprattutto quelle relative alla pianificazione ed al controllo - ai membri del Team di Progetto.

responsibilità di progetto

Nelle aziende che non operano principalmente su commessa (come ad esempio le aziende manifatturiere e quelle di servizi), in genere un Project Manager viene nominato "ad hoc" per un progetto specifico. Nei quali casi, la gestione del progetto in argomento è un incarico a tempo parziale per tale persona.
E' anche possibile e capita comunemente che, oltre a gestire un progetto o commessa, il Project Manager sia anche membro del Team di Progetto (ad esempio, con incarichi amministrativi o tecnici). Inoltre, tale Project Manager deve anche portare avanti il suo lavoro principale.
Il che richiede grande flessibilità ed adattabilità: un Project Manager "part-time" deve essere in grado di comprendere e saper differenziare tra i diversi ruoli assegnatigli, e saper "cambiar cappello" a seconda del caso.

flessibilità in ambito progettuale

Per gestire con efficacia un progetto, il Project Manager deve avere un certo numero di doti ed abilità. Un bravo Project Manager dovrebbe essere:
- in grado di "pensare"
- un buon pianificatore
- un buon organizzatore
- un buon amministratore
- capace di co-ordinare risorse di varia natura
- un buon comunicatore
- in grado di saper affrontare e risolvere problemi
- in grado di saper prendere decisioni
- flessibile, ma determinato
- orientato al risultato
- attentissimo ai tempi ed ai costi
- orientato alla qualità
- amante della "sfida"
- abile nel gestire conflitti

Ma ancor più importante, il Project Manager deve comprendere appieno i limiti del progetto (i 3 parametri di progetto: TEMPI - COSTI - STANDARD QUALITATIVI), ed avviare il progetto solo quando i suoi obiettivi siano stati ben definiti ed i relativi "vincoli" ben individuati.

La padronanza "tecnica" dello "scopo" (od oggetto) del progetto non è strettamente richiesta. Quel che è importante è che uno o più membri del Team di Progetto abbiano la conoscenza tecnica necessaria per "gestire tecnicamente" il progetto medesimo, e garantirne l'integrità tecnologica.
Anzi, in certi casi potrebbe essere un errore fatale nominare Project Manager un tecnico esperto nell'area di scopo del progetto. Specialmente quando tale persona non abbia le abilità necessarie per gestire "in toto" il progetto medesimo ( e non solo i suoi aspetti tecnici).

Tali principii base di Project Management tradizionale valgono per ogni tipo di progetto (commessa, contratto....), ivi compresi progetti di sviluppo nuovi prodotti o servizi.

 

Come già accennato, il Project Management tradizionale si è maturato ed evoluto, sfociando recentemente nel cosiddetto Lean Project Management (Project Management Snello) - (--> continua).

indietro          inizio

tavola di navigazione tra prospetti sinottici
(puntando il mouse sopra il numero dei prospetti sinottici pubblicati si otterrà la loro descrizione)
01 02 03 04 05 06 06b 06c 07 07b 07c 08 09 10 11
12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 37b 37c 38 39
40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 51b 51c 52
52b 52c 52d 52e 53 54 54b 54c 54d 55 56 56b 56c 56d 56e
58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 71b

 

 

https://www.scodanibbio.com
Per usufruire appieno di tutte le caratteristiche del sito, attivare il JavaScript e consentire i pop-up