Performance World Class e Snella nelle PMI, Piccole e Medie Imprese - Carlo Scodanibbio, Consulente Industriale, Consulente di Lean Management
scodanibbio.com


Carlo Scodanibbio
Consulenza Industriale
Consulente di Lean Management

prospetti sinottici (52c)


home     profilo     consulenza     formazione     eventi     contatti 
il Total Quality Management negli anni 2000
strumenti di miglioramento della performance e della qualità


Il Miglioramento della Qualità (obiettivo: zero difetti), come pure il Miglioramento della Performance Aziendale (obiettivo: performance world class) (--> approfondisci), sono basati su un approccio sistematico e continuo stile Kaizen, e sull'utilizzo intelligente di un certo numero di strumenti, chiamati in genere "gli strumenti vecchi e nuovi della qualità". Tali strumenti comprendono i seguenti (l'elenco è certamente incompleto):

diagrama di pareto Il DIAGRAMMA DI PARETO, utilizzato per identificare e valutare "entità" e "peso" di problemi di qualità, di difettosità, di disfunzioni, di errori, ecc.
Lo scopo è di indirizzare le azioni di miglioramento là dove si possano raggiungere risultati di notevole entità e di maggior beneficio.

In genere si associa a tal diagramma un'ANALISI ABC. Questa serve a fornire "a colpo d'occhio" un'illustrazione ben rappresentativa del "peso" e dell'entità dei fenomeni.

 


 
Il DIAGRAMMA CAUSA-EFFETTO (Diagramma di Ishikawa - Diagramma a spina di pesce).
diagramma causa-effetto Si usa per identificare e portare ala luce cause e cause delle cause (di secondo, terzo... livello) che contribuiscono o possono contribuire a generare il problema (l'effetto negativo) sotto esame.
Analizzando tutte le cause ed escludendo quelle non significative, si arriva infine a scoprire ed evidenziare un certo numero di cause "probabili".
Le quali vengono studiate ed investigate a fondo, e, se effettivamente contribuiscono a generare il problema, vengono eliminate una volta per tutte per mezzo di un metodo poka-yoke.

 

Il DIAGRAMMA DELLE RELAZIONI.
diagramma delle relazioni In molti casi, non esiste una relazione semplice e lineare tra cause ed effetto negativo. E' infatti ben possibile che ci sia una relazione complessa tra cause e cause delle cause, il che rende difficile la loro identificazione ed il loro posizionamento nei confronti del problema. Ecco dove il Diagramma delle Relazioni è di grande beneficio: esso mette in grado il Team di Miglioramento della Qualità o della Performance di evidenziare ed illustrare graficamente relazioni complesse tra cause e di investigare adeguatamente le più significative e/o probabili colpevoli.
L'obiettivo finale resta sempre l'eliminazione permanente di tutte le cause che effettivamente contribuiscono a generare il problema sotto osservazione.

 

Altri "strumenti per pensare", basati su un principio simile ai due precedenti, ma più ricchi di caratteristiche e capaci di aprire spazi più ampi all'investigazione sono il DIAGRAMMA DELLE AFFINITA' ed il CEDAC (Cause and Effect Diagram with the Additions of Cards - Diagrama Causa-Effetto con l'aggiunta di Schede).
L'obiettivo è sempre lo stesso: l'identificazione e lo studio delle cause che contribuiscono a generare un effetto indesiderato e la loro eliminazione.

 

Vari tipi di DIAGRAMMI A MATRICE.
diagramma a matrice Questi sono strumenti molto potenti quando si tratta di identificare e "quantificare" relazioni complesse tra cause ed effetti in situazioni multi-causa e multi-effetto, ossia quando sussistono problemi qualitativi o di performance intercollegati, e generati da un gran numero di cause pure interagenti tra di loro.
Le relazioni causa-effetto sono non solo identificate ma anche "quantificate" e "pesate". In tal modo si misura l'entità di ogni relazione causa-effetto (o causa-causa), e si dedicano attenzioni primarie alle entità più ragguardevoli (senza tuttavia trascurare le altre).
I Diagrammi Matriciali a 3 Dimensioni sono utilissimi quando si ha a che fare con problemi tecnici di notevole complessità.       (---> continua)


 

 

 
indietro              inizio

tavola di navigazione tra prospetti sinottici
(puntando il mouse sopra il numero dei prospetti sinottici pubblicati si otterrà la loro descrizione)
01 02 03 04 05 06 06b 06c 07 07b 07c 08 09 10 11
12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 37b 37c 38 39
40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 51b 51c 52
52b 52c 52d 52e 53 54 54b 54c 54d 55 56 56b 56c 56d 56e
58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 71b

 

 

https://www.scodanibbio.com
Per usufruire appieno di tutte le caratteristiche del sito, attivare il JavaScript e consentire i pop-up